Le mountain bike sono uno dei mezzi sportivi più apprezzati dagli appassionati di trekking e fuoristrada. Un’istituzione nel mondo della bicicletta con milioni e milioni di estimatori in tutto il mondo. Tantissime sono le discipline che hanno visto la nascita con la diffusione di questo mezzo: Cross-Country, All-Mountain, Enduro, Freeride, Downhill.

Sterrati, percorsi di montagna, mulattiere, sentieri fra i boschi, ma anche itinerari tra le colline, in pianura e lungo le località costiere: ogni giorno, durante tutto l’anno, sono tantissimi gli amanti della mountain bike che si riversano in mezzo alla natura per questa meravigliosa attività outdoor.

E se dicessimo mountain bike elettrica? Nel mondo delle MTB rappresentano ormai una certezza più che il futuro: temute dai puristi delle due ruote a pedali, accolte dai più aperti all’innovazione, apprezzate da molti per le loro caratteristiche uniche. Grazie all’evoluzione degli ultimi anni i motori ausiliari delle e-bike sono sempre più leggeri, potenti e performanti: questo ha contribuito alla loro diffusione e ha portato le mountain bike a raggiungere e superare i propri limiti. Se fino a qualche hanno fa si sentiva parlare di bici elettrica solo per quanto riguardava la mobilità nelle città, oggi ormai anche il mondo sportivo e turistico sono stati “contaminati”.

Vediamo insieme caratteristiche e funzionamento delle E-MTB!

Biciclette sportive a pedalata assistita elettricamente

Mountain Bike Elettrica

C’è un primo punto da chiarire subito: utilizzare una bicicletta elettrica non significa sedersi comodamente in sella e pensare che il mezzo ci porti ovunque in autonomia. Per quello ci sono sempre la cara motocicletta o buon vecchio ciclomotore, per i quali basta muovere il polso per aprire il gas. La bici elettrica è una bicicletta a pedalata assistita elettricamente: questo significa che è necessario comunque pedalare per innescare l’ausilio della batteria e del motore.

Affinché possano considerarsi “biciclette” a tutti gli effetti, i motori non possono erogare più di 250W e raggiunti i 25 Km/h di velocità si disinnescano automaticamente. Oltre questa velocità è possibile pedalare solo con la forza dei propri muscoli.

Come funziona la pedalata assistita

A differenza delle normali bici elettriche da città, che sono equipaggiate con sensori di movimento e per le quali basta semplicemente “far girare i pedali” senza applicare forza per innescare il motore, i sensori delle bici elettriche sportive sono sensori di coppia, sensori cioè che rilevano la forza impressa sul pedale. Non appena viene recepita la pressione sul pedale il motore entra in azione istantaneamente, contribuendo al movimento del mezzo in maniera proporzionale allo sforzo compiuto dal ciclista. Più si pedala intensamente, più aumenta la potenza erogata dal motore. Il funzionamento è logico, pratico e confortevole: se stiamo affrontando una salita, ad esempio, effettueremo un lavoro maggiore sui pedali e la batteria elettrica ci fornirà a sua volta un aiuto più marcato.

Che impegno è richiesto e quanta fatica si fa a guidare un’e-bike?

Come accennavamo prima, se qualcuno sta pensando di poter far finta di pedalare si sbaglia di grosso. D’altronde stiamo parlando di attività sportiva. Che sport sarebbe se non si fa nemmeno un po’ di fatica? L’impegno richiesto è però controllabile agendo sulla centralina elettronica comunemente installata sul manubrio delle mountain bike elettriche: è possibile stabilire infatti il livello di assistenza del motore, ossia quanto il motore elettrico debba contribuire al movimento del mezzo assieme alle nostre gambe. I vari livelli di assistenza, a seconda anche dei modelli di bicicletta, variano da un apporto del 50% rispetto alla forza impressa, fino al 250%. Questo significa che generando una potenza di 40W con i propri muscoli, la bicicletta può contribuire con una potenza che va dai 20W ai 100W.

Quanta autonomia garantiscono le E-MTB

Le più moderne e innovative e-bike dispongono di motori alimentati con batterie al litio di ultima generazione, sempre più leggere e performanti. In questo caso, con batterie a capienza non inferiore ai 400W, si possono percorrere tranquillamente itinerari tra i 50 e i 100 km.  Si tratta di un dato indicativo chiaramente, in quanto ad influire sull’autonomia contribuiscono diversi fattori:

  • Percorso: le caratteristiche del terreno, la sua aderenza, la pendenza, gli agenti atmosferici;
  • Bicicletta: le caratteristiche del mezzo, il livello di assistenza scelto, l’efficienza del motore, lo stato di conservazione della bici;
  • Ciclista: le caratteristiche fisiche della persona (altezza, peso), lo stile di guida, i rapporti utilizzati.

Quello che è importante sottolineare, al di là della durata della batteria, è che questi mezzi sono assolutamente ecologici e a impatto zero. Consentono di svolgere attività outdoor nel pieno rispetto della natura e dell’ambiente. Tutto ciò di cui bisogna preoccuparsi è godersi il panorama e divertirsi!

E se la batteria si scarica? Niente paura, una volta esaurita l’autonomia semplicemente non si potrà più fare affidamento sul motore ausiliario. La bici elettrica tornerà ad essere una normalissima mountain bike, consentendo comunque di proseguire lungo l’itinerario e giungere a destinazione facendo affidamento sulle proprie energie.

Escursioni e gite in sella ad una mountain bike elettrica

Escursione in Mountain E-bike

Essere in sella a una bicicletta elettrica è una sensazione molto piacevole che ha già conquistato numerosi ciclisti e non solo: tanti sono gli sportivi che si sono convertiti a questo mezzo o ne hanno rivalutato le potenzialità, specialmente per i percorsi più impegnativi dal punto di vista dello sforzo fisico. Ma ancor di più sono le persone che grazie al motore elettrico hanno potuto cimentarsi in attività all’aperto che non sarebbero altrimenti state facilmente alla loro portata. La mountain bike elettrica consente infatti anche alle persone meno allenate di prendere parte a escursioni in montagna e lungo sentieri e itinerari che avrebbero richiesto una preparazione atletica maggiore rispetto alle loro capacità. Le salite si trasformano così da tratti faticosi a sfide alla portata e divertenti.

 

Scopri le proposte di escursione in bici selezionate da Freedome: solo il meglio per le tue esperienze outdoor!