Volo in parapendio biposto su lago

Parapendio: tutto quello che c’è da sapere

Volare in parapendio è una delle attività all’aperto che più affascina gli amanti del volo. Il senso di libertà che accompagna questa esperienza outdoor è tra i più sensazionali che si possano provare. L’idea di ammirare paesaggi indimenticabili da una prospettiva unica seduce al punto da non potervi più rinunciare, una volta provata. Che si tratti di montagna, mare o pianura, il volo in parapendio è sempre un’emozione incredibile!

In questo articolo targato Freedome vediamo insieme cosa significa il termine parapendio, che cosa caratterizza questa attività sportiva, ma soprattutto come e dove praticarla. Si tratta di un’attività che non richiede abilità particolari se accompagnati da istruttori esperti e che è possibile affrontare in sicurezza anche in solitaria, partecipando preventivamente a corsi con rilascio di attestato.

Cos’è il parapendio: significato e come funziona

raduno parapendio

Il termine parapendio è composto dai termini para e pendio, che ne spiegano il significato e l’origine. Para è un’abbreviazione di paracadute e pendio si rifà al declivio, alla pendenza tipica dei paesaggi montuosi, dove questa attività ha visto la sua nascita, ma soprattutto la sua diffusione.

Dal punto di vista tecnico il parapendio è un paracadute orientabile di forma rettangolare con profilo ad ala, di tessuto leggero, derivato dai paracadute da lancio pilotabili. È il mezzo di volo libero più semplice e leggero che esista, utilizzato per lanciarsi nel vuoto da pareti ripide di montagna o dalla sommità di un pendio per poi discendere fino a valle. Ha visto la sua nascita a partire dalla fine degli anni ’60.

Il suo funzionamento è molto semplice: con l’aumento della velocità il parapendio si apre e si gonfia grazie all’aria, permettendo così di spiccare il volo. Una volta decollati, sfrutta il proprio peso per avanzare e creare così la portanza che lo sostiene, esattamente come farebbe un aereo. Si può governare in maniera abbastanza semplice per solcare i cieli ammirando il paesaggio circostante.

Il parapendio rappresenta oggi anche uno sport ampiamente riconosciuto, per il quale si svolgono numerose competizioni. Ed è indubbiamente un hobby e una passione per tantissime persone in tutto il mondo.

Le varianti del parapendio

L’evoluzione dal punto di vista tecnico e soprattutto la diffusione di questa disciplina hanno portato alla nascita di numerose varianti del parapendio.

Accanto a quello monoposto o in solitaria si sente spesso parlare di parapendio tandem. Questa variante riscuote moltissimo successo perché consente a tutti, anche senza la capacità di pilotare un parapendio, di provare l’ebbrezza di attraversare i cieli ammirando il panorama da una prospettiva unica. Con il parapendio doppio o in tandem governare il mezzo è compito di una persona esperta, mentre il passeggero non dovrà fare altro che godersi lo spettacolo. È dunque un’attività adatta a tutti, sicura e divertente!

Oltre al parapendio classico, che sia mono o biposto, possiamo poi trovare anche il paramotore. Esso non è altro che un parapendio a cui è stato aggiunto un piccolo motore per consentire manovre di decollo e atterraggio più semplici oltre che per agevolare e controllare meglio le fasi di volo. Dal punto di vista del paracadute impiegato quindi non cambia sostanzialmente nulla, è però previsto l’impiego supplementare di un motore solitamente di dimensioni contenute.

La diffusione infine di questa attività sportiva e l’incremento delle competizioni a livello internazionale hanno portato alla nascita del cosiddetto parapendio acrobatico. Più che una variante tecnica o di attrezzatura, il parapendio estremo si caratterizza per l’esecuzione di manovre complesse e affascinanti. Si tratta di vere e proprie acrobazie che richiedono esperienza e comportano una certa pericolosità, a differenza dei voli in parapendio turistici e panoramici che non presentano rischi particolari.

Per maggiori dettagli sulle differenze tra parapendio, paramotore e le altre varianti, leggi l’articolo di approfondimento.

Attrezzatura e abbigliamento necessari

parapendio decollo

L’attrezzatura per parapendio è caratterizzata da pochi, ma fondamentali elementi. Pur non essendo un’attività rischiosa, se praticata con responsabilità e attenzione, sono necessari:

  • Casco: pur non essendo un’attività rischiosa, se praticata con responsabilità e attenzione, il casco è una precauzione fondamentale per scongiurare infortuni gravi.
  • Vela: il cuore del paracadute, può essere di vari materiali e dimensioni a seconda dell’uso che se ne vuole fare (parapendio monoposto o biposto, turistico o acrobatico).
  • Imbraghi: l’imbragatura consente di assicurare il pilota e l’eventuale passeggero alla vela, grazie a cinture di stoffa e agganci.
  • Paracadute di emergenza: per far fronte ad imprevisti che, seppur molto rari, potrebbero capitare.

Ovviamente in caso di attività svolta in tandem accompagnati da un istruttore, affidandosi a professionisti, centri e associazioni sportive specializzati, l’attrezzatura non deve essere una preoccupazione: saranno gli stessi a fornire al passeggero tutto il necessario.

Per quanto riguarda invece l’abbigliamento per parapendio non sono previsti particolari indumenti da utilizzare. Sicuramente è importante vestirsi in maniera comoda e considerare che anche durante le stagioni estive la temperatura può essere bassa per via dell’altitudine: spazio dunque a giacche antivento, piumini, ma anche guanti. Si consiglia l’utilizzo di calzature tipo trekking per scongiurare slogature in fase di atterraggio.

Volo in parapendio: prezzi e costi

Ma quanto costa fare parapendio?

I prezzi di un volo tandem in parapendio possono variare dagli 80 ai 180 euro a testa, a seconda della località, della durata e dei servizi extra. Oltre all’accompagnamento del pilota e all’attrezzatura, la quota di partecipazione comprende quasi sempre anche il trasporto al decollo e spesso anche un servizio video e foto.

Se invece sei interessato a praticare l’attività in prima persona, dovrai considerare costi ben diversi. Un corso di parapendio per il rilascio del brevetto può costare tra i 1.000 e i 1.800 euro, prezzo nel quale solitamente è compreso il noleggio dell’attrezzatura per la durata delle lezioni.

Il costo dell’attrezzatura da parapendio può aggirarsi tra i 2.000 e i 4.000 euro, a seconda che si acquistino attrezzature nuove o usate. In questa cifra sono compresi la vela (2.500/3.000 euro), gli imbraghi (500/800 euro), l’attrezzatura di emergenza (500 euro) e il casco (100/200 euro). Per il parapendio biposto i prezzi possono salire a 5.000/6.000 euro.

Dove praticare parapendio

È possibile praticare parapendio in diversi ambienti, che offrono paesaggi molto differenti tra loro:

  • parapendio da montagna: la montagna è sicuramente il luogo dove questa attività è maggiormente praticata. Non a caso il parapendio nasce proprio in altitudine e, come abbiamo visto, deve il suo nome proprio ai pendii dei versanti montuosi. I paesaggi in queste zone sono sicuramente tra i più godibili, per la presenza di una natura incontaminata, di viste mozzafiato e panorami unici.
  • parapendio sulla neve: anche in questo caso solitamente sono le località montane ad essere teatro di spettacolari voli tra vette, boschi e vallate, meravigliosamente imbiancate da questo fenomeno naturale. Con le dovute attenzioni all’abbigliamento per combattere le basse temperature, praticare parapendio sulla neve è sicuramente un’attività da provare una volta nella vita.
  • parapendio sul mare: per gli amanti invece del mare, comunque ci sono buone notizie. Molte località italiane, soprattutto nel centro-sud (ma non solo), consentono di spiccare il volo dalle loro alture a pochi kilometri dal mare. Sarà dunque possibile sorvolare i paesaggi costieri distendendo lo sguardo sui colori dell’entroterra e sulle infinite sfumature blu e verdi del mare.
  • Parapendio in pianura: per i voli in pianura si utilizza più comunemente il paramotore, che consente di alzarsi in volo senza la presenza di pendii. I paesaggi possono comunque essere caratteristici e mostrare campagne e distese alternarsi a città moderne oppure a piccoli borghi caratteristici.

I migliori voli in parapendio biposto in Italia

parapendio in volo

Da nord a sud Italia, sono tantissimi i luoghi dove effettuare voli in parapendio. Mare, montagne, colline e borghi storici sapranno regalare viste aeree mozzafiato ed emozioni indescrivibili. Un’esperienza di volo può essere un modo originale per scoprire e apprezzare gli innumerevoli tesori naturali e paesaggistici del nostro Paese da una prospettiva unica.

Voli in parapendio sul Lago di Garda

Il Lago di Garda è in assoluto tra le località preferite per volare in parapendio, grazie alle particolari correnti di cui gode il bacino. Uno dei punti di decollo che offre i migliori panorami sul lago è quello di Malcesine, sul versante veneto del Garda. Per volare in parapendio a Malcesine si sale in funivia sul Monte Baldo e si decolla da una vera e propria terrazza panoramica. Lo spettacolo è garantito anche per chi sceglie di volare in parapendio a Gardone Riviera, sul versante lombardo del Lago di Garda.

Scopri i voli sul Lago di Garda

Voli in parapendio in Lombardia

parapendio lombardia

Oltre al Lago di Garda, ci sono molteplici possibilità per volare in parapendio in Lombardia. Decollando dal Monte Cornizzolo si sorvolano i Laghi della Brianza e il ramo del Lago di Lecco. Poco lontano da Bergamo, invece, ci sono diversi punti di decollo per volare sul Lago d’Iseo e sul Lago di Endine. Chi preferisce i paesaggi collinari e magari vuole abbinare al volo una buona degustazione di vino, può volare a Cecima nell’Oltrepò Pavese.

Confronta i nostri voli in Lombardia

Voli in parapendio in Veneto

In Veneto si può volare in parapendio sul Monte Grappa. Questo massiccio delle Prealpi Venete è molto famoso tra gli appassionati di volo libero poiché offre condizioni particolarmente favorevoli che danno la possibilità di effettuare anche voli più lunghi del normale. I migliori punti di decollo sono Semonzo e Borso del Grappa, in provincia di Treviso. Tra le altre zone di volo del Veneto, oltre al già citato Lago di Garda, ci sono le Dolomiti bellunesi nella zona di Feltre.

Scopri le proposte di volo in Veneto

Voli in parapendio in Piemonte

Chi vuole provare l’esperienza del parapendio in Piemonte può scegliere tra diverse zone di volo. Da Torino si raggiungono facilmente le zone della Val Pellice, del Canavese o della Serra d’Ivrea e ci si può godere un volo sui rilievi collinari con le Alpi all’orizzonte. Si può volare anche in provincia di Alessandria, sulle colline della Val Curone, oppure a Novara, dove si possono provare le varianti del paramotore e del paracarrello.

Scegli tra i nostri voli in Piemonte

Voli in parapendio in Valle d’Aosta

parapendio valle aosta

Gli amanti della montagna non possono rinunciare all’emozione di ammirare dall’alto le cime più alte d’Europa. Tra i voli in parapendio in Valle d’Aosta, quello sul Monte Bianco è assolutamente da non perdere. Per volare in parapendio sul Monte Bianco si parte da Courmayeur con la cabinovia SkyWay per raggiungere Punta Helbronner e decollare da oltre 3.000 metri di quota, godendosi una vista mozzafiato sulle creste rocciose e sul ghiacciaio della Brenva.

Scopri tutti i voli in Valle d’Aosta

Voli in parapendio in Liguria

I voli in parapendio in Liguria riservano incredibili panorami sui borghi incastonati tra mare e monti. Si può decollare da Bergeggi, in provincia di Savona, oppure dalle Cinque Terre e atterrare direttamente in spiaggia. Questa possibilità, tuttavia, non è prevista durante i mesi estivi per la presenza dei bagnanti e per gli spazi tipicamente esigui degli arenili della Riviera Ligure.

Scegli tra le proposte di volo in Liguria

Voli in parapendio in Toscana

Una delle migliori località per volare in parapendio in Toscana è Borgo a Mozzano, in provincia di Lucca. Questo territorio compreso tra le Alpi Apuane e la Garfagnana è caratterizzato da una natura selvaggia e incontaminata. Imperdibile lo scorcio sul particolare Ponte del Diavolo sul fiume Serchio. Un’altra zona di volo particolarmente apprezzata in Toscana è quella di San Giuliano Terme, sui Monti Pisani.

Scopri le attività di volo in Toscana

Voli in parapendio in Umbria

In Umbria c’è una località molto amata dagli appassionati di volo: la piana di Castelluccio di Norcia. Nel periodo delle fioriture la piana diventa una distesa colorata di fiori. Quale modo migliore per ammirare questo spettacolo se non dall’alto con un volo in parapendio? Altre zone di volo in Umbria si trovano sul Monte Cucco, sul Monte Gemmo e sul Monte Subasio, tutte località dove la natura domina incontrastata.

Scegli tra i nostri voli in Umbria

Voli in parapendio in Roma

Per volare in parapendio a Roma basta spostarsi di qualche chilometro fuori dai confini cittadini per raggiungere Tivoli o il Lago di Bracciano e godersi dall’alto l’atmosfera bucolica della campagna romana. Un’altra zona famosa per i voli in parapendio nel Lazio è quella di Norma, da dove si ammira un ampio panorama sull’Agro Pontino fino al Mar Tirreno, con la possibilità di scorgere le isole di Ponza e Ventotene nelle giornate più terse.

Scopri le attività di volo nel Lazio

Voli in parapendio in Campania

parapendio campania

Tra i più suggestivi voli in parapendio in Campania, c’è senza dubbio quello a Capaccio – Paestum che permette di ammirare i paesaggi naturali del Parco Nazionale del Cilento e il mare del Golfo di Salerno. Sempre in provincia di Salerno, si può volare a Castel San Giorgio e scorgere all’orizzonte la sagoma del Vesuvio, oppure a Padula per ammirare dall’alto le geometrie dell’omonima Certosa.

Scopri le nostre proposte in Campania

Voli in parapendio in Calabria

La Calabria presenta punti di decollo sia sul versante tirrenico che su quello ionico. Le più note località per effettuare voli in parapendio in Calabria sono Pizzo Calabro e Tropea, sulle coste di Vibo Valentia, ma si può volare anche a Scilla, Paola o Gerace, sempre sulla costa. Chi invece preferisce i paesaggi selvaggi dell’entroterra può lanciarsi dai rilievi dell’Aspromonte o del Pollino.

Scopri i nostri voli in Calabria

Voli in parapendio in Sicilia

Per volare in parapendio in Sicilia si può scegliere la costa palermitana, trapanese, messinese o agrigentina. Da Taormina a San Vito Lo Capo, i voli tandem in Sicilia regalano l’opportunità di ammirare dall’alto paesaggi costieri stupendi. Se invece si preferisce la natura dell’entroterra, si può volare sui Monti Sicani e nella Valle del Platani, tra Agrigento e Caltanissetta.

Scegli tra i nostri voli in Sicilia

Le proposte di Freedome non finiscono qui. Se non hai ancora trovato il volo che cercavi, dai un’occhiata al nostro catalogo completo dei voli in parapendio.

Informazioni utili per volare in parapendio biposto

Se stai pensando di provare l’esperienza del parapendio e vuoi sapere tutto sullo svolgimento dell’attività, puoi dare un’occhiata alle domande frequenti. Se alla fine della lettura avrai ancora dubbi, potrai contattare il nostro servizio clienti via chat, e-mail o telefono.

Quando si può volare in parapendio?

Non c’è un periodo o un orario più favorevole di un altro per volare in parapendio. I voli si effettuano tutto l’anno, compatibilmente con le condizioni del meteo e del vento.

Quanto dura un volo in parapendio?

Generalmente i voli in parapendio durano dai 15 ai 20 minuti, ma la durata può variare in base alle correnti del giorno. Con venti particolarmente favorevoli, un volo standard può durare fino a 30 minuti. Ci sono poi dei voli straordinari che possono durare fino a 60 minuti, ma le condizioni ideali si presentano solo poche volte l’anno e soltanto in alcune zone di volo.

Occorrono requisiti minimi per volare in parapendio?

Per volare in parapendio biposto non è richiesta nessuna capacità specifica, né fisica né tecnica. L’unico requisito è essere in grado di effettuare una breve corsa (meno di una decina di metri) necessaria per il decollo. Per il resto, può volare in parapendio chiunque sia in buone condizioni psico-fisiche e rientri nei limiti di peso indicati dall’operatore. L’attività è sconsigliata alle donne in gravidanza e a chi soffre di patologie cardio-circolatorie.

Come avvengono le fasi di decollo e atterraggio in parapendio?

Per il decollo si raggiunge un punto in quota e, dopo aver svolto un briefing sulle norme di comportamento e sicurezza, si prepara l’attrezzatura e ci si imbraga saldamente al pilota. La vela a questo punto sarà già aperta e basteranno pochi metri di corsa per staccarsi da terra. Durante il volo il parapendio si abbasserà gradualmente di quota fino a un morbido atterraggio. In questa fase il pilota chiederà al passeggero di accennare qualche passo al contatto col suolo o di flettere le ginocchia per ammortizzare l’impatto.

Il parapendio è dotato di un paracadute d’emergenza?

Sì, chiunque piloti un parapendio deve avere con sé un paracadute d’emergenza. Nel caso di voli tandem, il paracadute è ripiegato all’interno dell’imbragatura del pilota e, ovviamente, è collegato anche al passeggero. Benché sia presente, le situazioni di volo irrecuperabile che richiedano l’estrazione del paracadute d’emergenza sono veramente rare.

È pericoloso volare in parapendio?

Non ci sono particolari pericoli connessi alla pratica del volo in parapendio. I piloti dei voli tandem sono professionisti certificati e abilitati al trasporto passeggeri, utilizzano attrezzature moderne e regolarmente manutenute e controllano scrupolosamente le condizioni meteorologiche prima di lanciarsi. A queste condizioni, i rischi sono pressocché nulli.

Durante un volo in parapendio si soffre di vertigini o nausea?

La vertigine è una patologia abbastanza rara che influisce sulla percezione sensoriale dell’individuo. Chi ne soffre dovrebbe chiedere consiglio al proprio medico prima di lanciarsi col parapendio. Chi comunemente dice di “soffrire di vertigini”, in realtà, ha soltanto paura del vuoto e dell’altezza, sensazioni che non si avvertono in parapendio per la mancanza di riferimenti fissi e perché si è costantemente in movimento. Chi soffre di mal d’aria potrebbe avvertire un senso di nausea in parapendio, ma è stato provato statisticamente che la maggioranza di persone comincia ad avvertire questo disturbo soltanto dopo 30 minuti di volo.

Come bisogna vestirsi?

È necessario indossare abbigliamento sportivo comodo e stagionale. Nei periodi più freschi è bene portare con sé una giacca antivento e dei guanti leggeri. Consigliati occhiali da sole sportivi e scarpe da trekking.

È possibile portare con sé il cellulare o la macchina fotografica?

Durante il volo, il passeggero è comodamente seduto e ha le mani libere. Può portare con sé il cellulare, la macchina fotografica o un’action cam ma deve fare attenzione a non far cadere nulla. Il pilota non è responsabile di eventuali perdite di oggetti personali.

Cosa è incluso nella quota di partecipazione?

La quota di partecipazione comprende il volo in tandem con pilota professionista, l’attrezzatura tecnica e di sicurezza, il transfer al punto di decollo e le assicurazioni di volo. In alcuni casi sono inclusi anche foto e video, altrimenti si possono richiedere a un costo supplementare.

Cosa succede in caso di maltempo?

Come tutte le attività aeree, i voli in parapendio sono strettamente legati alle condizioni meteorologiche. Solitamente, il giorno prima della data prevista il pilota conferma la fattibilità del volo in base all’ultimo bollettino meteo. A volte però può capitare che le condizioni cambino all’improvviso e che il volo sia annullato anche all’ultimo momento. In caso di sospensione dell’attività per maltempo o per altre circostanze che mettano a rischio la sicurezza, prenotando tramite Freedome si ha diritto al rimborso totale della quota pagata o alla possibilità di concordare una data alternativa per lo svolgimento dell’attività.

Scopri nel dettaglio il nostro catalago, trova l’esperienza più adatta a te e preparati a spiccare il volo con Freedome!

Scopri le attività di volo in Italia

Panorama
La Repubblica
Radio24
Discoradio
La Verità